Archivio

Archivio Giugno 2004

Tuesday night

30 Giugno 2004 2 commenti


Tutta questa gente di contorno
And all I do is drink and think
and think and drink
Sardonic faces indifferent places
Two more drops of nothing in water
Who do you think you are
Faces watching all eyes prying
Wanting wanting wanting
Toxic twins symbiotic running as fast as fast can go

Il gioco delle parti

29 Giugno 2004 1 commento

Sto scaccolando fuori…

24 Giugno 2004 4 commenti


… pezzetti di cervello dalle orecchie. Ho un turbine nella mente, nel cuore, nelle mani, non so più cosa fare, cosa stia facendo. Voglio la solitudine. Voglio lui. Voglio la libertà. Voglio le coccole. Che cazzo voglio? Così esco, mi rimuovo di nuovo bruscamente dalla situazione. Ferisco e mi ferisco. Mi batte forte il cuore, il cuore è ovattato. I colori come spenti e i sentimenti estranei ed egoisti. Dolore, cattiveria, ma che cosa sto facendo? Dormo in una casa non mia, voglio vedere il mio giardino. Ieri è spuntato un nuovo fiore. Chissà oggi com’è. Come staranno i pomodori? Chissà domani quale altra pazzia commetterò. Mi sto tirando il mondo addosso ed è sempre più pesante. Corro rischi che forse non valgon la pena. La sensazione di commettere un errore madornale e la necessità di farlo comunque. E’ la mia strada che mi manca, o cosa mi manca? Forse sono solo una sciocca. Schiava di vecchie abitudini emotive. Che abitudini di merda, però. Oggi ho la gola in fiamme dalle urla e dai nodi. Voglia di piangere mal repressa e mi tocca sorridere e parlare con tutti. E’ una giornata perfetta per fare come lo struzzo. E invece mi tocca uscire e guidare e camminare e parlare, parlare, parlare, DIO che palle tutte queste parole senza senso tutta la gente che vedo come dietro a un vetro. Sono stufa di sentirmi sempre così. Ho i mattoni nel cuore. Mattoni nel cuore avvizzito.

Senza immagine

8 Giugno 2004 9 commenti


Quand’è che ho perso le parole? Quando è stato che mi si è aggrovigliata la gola e ho smesso di parlare? Ferocissima auto-censura. Sigh. E quando parlo, parlo a sproposito.