Archivio

Archivio Marzo 2005

pigro pensiero

17 Marzo 2005 18 commenti


Una lunga domenica al sole
dove gli animi scaldano le pietre gelate d’inverno
lacrime asciutte
baci salati
ogni parola un pugnale
ogni gesto una carezza

Balbuzie

14 Marzo 2005 8 commenti

doti investigative sopraffine

4 Marzo 2005 19 commenti

Blizzard

3 Marzo 2005 11 commenti


Bufere dappertutto, oggi.
Niente avventure all’aereoporto, per ora, forse più tardi.
Messaggini d’amore ai quali non voglio e non so come rispondere.
Tanto mi diresti che quella è tua sorella.
Grr.

Quel mostro verde…

3 Marzo 2005 2 commenti


… mi sta mordendo il collo!
Ogni sorriso grida falsità!
Ogni bacio un morso traditore!
Ogni parola dolce una velenosa bugia!

Nervuss

3 Marzo 2005 7 commenti


Ok, sai quando finisce la giornata e ti dici che era meglio rimanere a letto?
Quattro ore in aereoporto ad aspettare un aereo che non è mai partito, lite telefonica per beghe di famiglia, negozi già chiusi quando ti rendi conto che le bestie hanno fame e la lettiera dei gatti puzza, e tu senza sabbietta fresca e senza Purina.
Inoltre, mentre aspettavo inutilmente a Linate, ho finito di leggere un libro che mi ha oltremodo depressa, ovvero La Visione di Emma Blau di Ursula Hegi. Trattasi della storia di emigrati tedeschi in America all’inizio del secolo e il susseguirsi delle generazioni fino ai giorni odierni.
Non mi dilungherò in dettagli, anche perchè non sono affatto una valida critica letteraria, ma, pur ammettendo che il libro sia avvincente e commovente, mi ha depressa perchè mi ha riempita di malinconia, mi ha rimescolato dentro un’amarezza che credevo morta e sepolta…
Immagino che se un libro può scatenare emozioni così forti, dev’essere un buon libro.
Però adesso ho solo voglia di piangere!
Sgrr.

Diventerò ricca con questa idea…

2 Marzo 2005 10 commenti

I was just thinking…

1 Marzo 2005 2 commenti


Mi sono dipinta le unghie di rosso
delle mani e dei piedi
per cercare un’espressione che non puzzi di gatto
per trovare uno spazio
che non abbia il sapore di uno stantio cruciverba
di parole sì dette e ridette
Forse non ci sono parole
per dire ti amo
per dire RITORNO
Tornerò
Ma non sarò più la stessa
la stessa
la stessa fata nuda
di quella notte nel cimitero
con la luna piena
e i nostri respiri affannati
Nudi correvamo credevamo di andare
incontro a qualcosa
incontro alla vita
solo gli anni ci hanno mostrato
la nostra folle corsa lontano da noi
lontano dagli anni stessi che ci portavano via
Mille parole e mille baci sprecati
in quel vento di ansia
che era l’acerbo della nostra piccola età
le scalinate e le scalate
e i furti e le risate
una pelle così non l’ho mai più avuta
una pelle così non l’ho mai più toccata
Dove sei andato, e dove sono finita?
Alla 25a ora mi sono voltata
ed era tutto svanito
Solo un vago sapore
un leggero sentore
di parole… vorrei dire mai dette…
ma eran parole dette e ridette
trite e ritrite
come
TI AMO
sei quello per me
finalmente ti ho trovato…

Quando mai.
Foss’anche t’avessi perso subito
sarebbe stato affare migliore PER ME.