Archivio

Archivio Ottobre 2005

Muovo le ali di nuovo

24 Ottobre 2005 18 commenti


Che giorno sia non sai mentre vai
dove adesso non mi vedi
ovunque sei sarai
dentro i miei sogni ormai
Muovo le ali di nuovo
riprovando a non cadere da solo nel vuoto
per cominciare a diventare così com’é che avrei dovuto
solo se avessi comunque davvero voluto
tutte le cose che vedo
così nuove che a volte nemmeno ci credo
ed ho paura che il calore di un raggio di sole che ho sopra la testa
sciolga le ali di cera o mi abbagli la vista
e ora non starmi a sentire
tanto guarda ho anche paura di farti capire
sono bene o male solo soltanto parole
come gocce che non cambiano il livello del mare
non scende e non sale
ma sotto qualcosa si muove
e sono tutte quelle voci che tornano nuove
e tornano più forti in un giorno come gli altri
Muovo le ali di nuovo
verso un posto nuovo
muovo le ali di nuovo
perchè cerco un posto nuovo
muovo le ali di nuovo
verso un posto nuovo diverso
Dentro ai miei sogni ormai cosa c’é e cosa resta
soltanto i mostri che ho dentro alla testa
non era oro quello che brillava
non era eterno quello che restava
non era amore neanche quello che mi amava
eppure mi sembrava

la sola cosa sicura che avevo
ma mi sveglio lentamente
non può piovere per sempre
nessuno ti dice mai niente
infatti a me nessuno mi ha detto mai niente
e qual’é veramente il problema
rimanere da soli o cambiare sistema
e se una cosa importante vale meno di zero
e una cazzata qualunque diventa un delirio
io spingo e vado avanti in questo giorno come tanti
E allora tiro due righe sul conto
e sono stanco di scappare da quello che ho intorno
perchè ho bisogno di provare di nuovo da solo a capire se cado
come se avessi comunque davvero vissuto
muovo le ali di nuovo
verso un posto nuovo diverso

Tiromancino
Riferimenti: E che ali!

Pensieri dell’altro giorno, tutti negativi.

24 Ottobre 2005 2 commenti

Volevo scriverli, ma ci ho provato 2 volte e ogni volta mi si è impallato il computer. Starà a significare che devo lasciar perdere le brutture mentali? Ok. Tantopiù che ho ricevuto ora messaggio da mia sister: Wilma ha messo in comunicazione il loro appartamento con il salotto della vicina…
Che cosa dev’essere stare in mezzo a un uragano???
Altro che pensieri negativi, qui ci vogliono un muratore e un salvagente!
Riferimenti: Non volevo rubare la foto

"L’amore gli sgorga solo dalle ferite?"

21 Ottobre 2005 10 commenti


Non percepisco se non vagamente il tempo la gente e le parole mi scivolano sopra e addosso senza che io me ne accorga.
Perduta e fissa in un pensiero che si scioglie in mille pensieri che si raggrumano di nuovo in un unico, fisso pensiero.
Un triste pensiero che mi toglie le fette dagli occhi, una nuova realtà che mi travolge e mi frastorna e mi inebria di comprensione.
Disillusione.

Titolo gentile concessione di Sister.

Occhei…

21 Ottobre 2005 4 commenti


Ho aperto la mia Area Personale per esprimere pensieri profondissimi… e mi son trovata davanti un bel pop-up che strepita a caratteri cubitali: TROVA GENTE COME TE.
Ora, io mi chiedo, è uno sberleffo o un richiamo del destino?

E’ notte

19 Ottobre 2005 9 commenti


sto andando alla discoteca a Velipoje, sono con due amiche ma non so chi siano.
Siamo col mio Barattolo sulla strada melmosa, parcheggio precariamente su un monticello si sabbia e ghiaia.
Trasporto una macchina da scrivere bianca e un fascicolo di fogli giàò scritti, ma non da me.
Ci aggiriamo per i tavolinetti puliti e ordinati e lascio la risma sotto uno di essi, e la macchina da scrivere chissà dove.
Sostiamo in casa di qualcuno. Ma è americano?
Bo.
Mi sento molto fatale e misteriosa.
Mentre ce ne andiamo, ricordo con un sussulto di aver abbandonato gli scritti della mia amica, e torniamo correndo alla discoteca, inciampando e barcollando su alti tacchi.
Lei mi dice “prendiamo la macchina?” io rido e le dico che abbiamo lasciato anche quella alla discoteca.
Getto le scarpe e corro veloce, scivolando in discesa e arrancando in salita, ma veloce come il vento.
Sono io ad indossare un vestito rosso, adesso, ma largo e senza forma.
Un brutto ceffo si mette a seguirmi perchè vede che sono da sola, ma io non ho paura, sono solo irritata.
Vuole limitare la mia libertà.
Ritrovo la macchina da scrivere e i fogli in mano a dei tipi molto ricchi, molto profumati, e molto gay.
Ci offrono da bere (ho ripescato anche l’amica scrittrice) e ridiamo felici.

C’era

19 Ottobre 2005 8 commenti


una ragazza vestita di rosso
piumata
imbronciata
fluttuava leggiadra bloccata da armigeri dal becco appuntito
un lampo d’azzurro
si nasconde dietro a una tenda di raso cremisi orlato di oro

certo che faccio proprio dei sogni allucinanti

Mi cimento

6 Ottobre 2005 22 commenti


Sono proprio tecnologicamente retrograda.
Ho un pc vecchio come Cher, la stampante mi ha abbandonata già sei mesi fa, non parliamo nemmeno di scanner o non scanner, e internet in casa è solo un lontano ricordo…
Sigh.
I’m an analog in a digital world.
Sigh.
Non sono neanche sicura che ciò abbia senso, ma suonava bene.

It’s been a bad day…

4 Ottobre 2005 15 commenti

Indimenticabile

4 Ottobre 2005 3 commenti


Quel momento in cui gli occhi brillarono
d’orgoglio
di sangue
di parole non dette
di lacrime incredibili in quanto tue
una lettera d’amore all’uomo a cui non credevi io pensassi
ho sempre e solo pensato a te
in una realtà incompresa in quanto non tua non mia non nostra non condivisa
così rimossi dal tempo e le distanze
ogni cosa fatta mi ha soffocata
per andare avanti incontro a non so neanch’io cosa
per non arrivare al punto in cui io non so dirti quanto ti voglio bene
non so come dirti quanto ti voglio bene
l’unico uomo della mia vita
non trovo le parole mentre le parole che cerco
sono solo queste:
ti voglio bene papà.