Archivio

Archivio Gennaio 2007

Tutto prende forma

30 Gennaio 2007 29 commenti


Drin drin.
“Pronto?”
“Pronto amore, devi venire qui subito, mi sono entrati in casa.”
“Oh no! Cosa è successo?”
“Non so, ma ho trovato un tavolino da caffè nuovo in sala, con su un cactus e un dolce biglietto dell’ammore prelibato, e tutti i cavi del computer, telefono, lampade, ecc. sono stati ordinatamente raccolti e fissati intorno agli stipiti delle porte! Hanno anche lasciato uno spray antimuffa per la parete del bagno!!!”

Sigh.

Cicloni, boschi, orsi.

24 Gennaio 2007 14 commenti


Macchine che slittano sull?asfalto bagnato della superstrada, il cielo bianco latte e un autobus passa volando, come sparato da un cannone.
Tu mi urli di entrare nel casotto di mattoni, io ho paura, voglio andare a casa.
Dentro, donne e donne che attendono, in uno strano ed autoritario mutismo, che il peggio arrivi, non sapendo se passerà.
Bottiglie che nessuno beve, non è mica una festa.
Dico andiamo a casa nostra, abbiamo il bunker, ma tu mi deridi e io penso che sto sognando il sogno sbagliato, la casa sbagliata.
Tutto è sbagliato.
Voglio recuperare le bestie, voi non mi lasciate perché è pericoloso.
Approfitto di un momento di distrazione e mi fiondo al piano di sopra, prendo in braccio Lady e Totto, Roger ci segue, Parsley è già giù.
Il ciclone non arriva.
Esco in balcone e vedo una vallata verde, gente al lavoro per costruire rifugi, io mi sento prigioniera di una tempesta che non vuole arrivare.

Notte, parcheggio, due grossi orsi bruni ci vogliono attaccare, ma sono strani, le teste tonde e troppo grosse come se fossero enormi pupazzi.
Mi allontano a piedi, senza correre, e trovo M. che mi invita a vedere la sua nuova casa.
Mi conduce giù per un ripido pendio, scalinate di roccia larghe e irregolari, pericolanti, pericolose, mi chiedo come farò a tornare su.
Arriviamo alla casa, di nuovo troppe case condensate in una, M. è nervoso, la casa è luminosa ma in disordine.
L?ha fatta trasferire lì da un altro paese, i vicini sono tutti americani.
Andiamo in un cadente pub dove mi accorgo che M. è ubriaco e sviene e penso quanto gli dev?essere costato, ecco perché si è ubriacato, il suo invito gli è costato.
Ma mi arrabbio perché ho lasciato la borsa in macchina, in cima al monte, e nella notte ci sono orsi e lupi che ululano e io non conosco la strada, così mi prendo una birra annacquata e mi preparo ad aspettare.

Amo Borat.

23 Gennaio 2007 6 commenti

Nevica, diamine! NEVICA!

22 Gennaio 2007 15 commenti


Ier notte ho giustappunto sognato la neve, ma non ce n’era tantissima, e tanto meglio perchè avevo scordato i munbùt.
Dicono che ‘sta settimana nevica, e speriamo bene che c’ho voglia di starmene a casa.

Ho voglia

19 Gennaio 2007 6 commenti


di divertirmi un po’.
Sempre a sgobbare, sempre stanca.
Oggi era primavera e io chiusa dentro ad un cubicolo di vetro ad ascoltare i miei arrancanti studenti, tutto il tempo con lo sguardo rivolto all’esterno, sospirante.
Stasera ho voglia di birra, sigarette (siamo a quota tre oggi), di aria aperta, di voci vocianti e amici amicanti.
Voglia di tacchi alti e minigonna e tette al vento.
E invece no.
Mi devo contenere.
Non devo fumare oltre il mio limite prestabilito, si sa mai che mi scoppi un polmone, non devo sbronzarmi perchè domani mi alzo presto e lavoro tutto il dì.
Ma che palle, sono VECCHIA!

I can’t reach that far

17 Gennaio 2007 6 commenti


Sognato il Dixie e Frank e Mike G. e non so chi altri.
I soliti ventimila piani, una fortezza tetra e notturna di ricordi e rimpianti.
Fantasmi di gente che non vedrò mai più.

Solita malinconia di simili sogni.

Sognato strano campeggio, che era quasi una città.
C?era la Paola.
C?era Alessio.
C?era Raffaele.
C’era un ragazzo di colore.
Forse anche l?Ale.
Comunque, un sacco di gente.
Camper, tende, tutti attaccati e concatenati.
Una fiera, un mercato, un camping, un mondo a parte, un?altra realtà.
Temporanea?
Stiamo sbaraccando?
Viviamo lì?
Caos, cerco di farmi una doccia in un camper-tenda, costumi e asciugamani bagnati, vestiti e sabbia ovunque, la valigia non si chiude.
Con i capelli bagnati inseguo qualcuno tra la folla gaia, polverosa, colorata, qualcuno forse mi chiama, insegue me.
Ansia, un po? di dolore, lacrime e tristezza, non so se li raggiungo, e non so perché li inseguo.
Forse vogliono andar via?
Restano, poi?
Non lo so, ma sogni caratterizzati tutti da acuta nostalgia ed amara dolcezza.

Per ogni tuo respiro ti amo.

17 Gennaio 2007 15 commenti


A volte ho paura che il tempo non mi basti mai, che ogni minuto perso sia perso per sempre.

Acciacchi di stagione e non.

16 Gennaio 2007 17 commenti


Oggi visita fisiatrica.
Debbo far stretching perché passo troppo tempo seduta sulle chiapponze, e ciò mi provoca i dolori lombari che mi trascino appresso da Marzo.
Il 27 alle 10:30 ho la radiografia al setto nasale per controllare che non ci sia sinusite o quantaltro che possa giustificare le frequenti emicranie e raffreddori lampo.
Stesso giorno, alle 11:30, e sperando di fare in tempo, ho l?elettrocardiogramma di sforzo per il corazon espinado, per sincerarci che i dolori alla spalla erano in realtà dovuti alla mia guercia postura e non ad un effettivo attacco cardiaco.
Il 2 Febbraio mi rendono i referti degli esami del sangue che ho fatto giovedì per vedere come mai sono sempre morta di sonno e nauseabonda.
Continuo a fumare una media di tre sigarette al giorno, contro le 16 dei bei tempi andati.
Sto cadendo a pezzi.

Voglio una lunga, ricca, vacanza.

Ho sognato che rapivano mia sorella, complice una bambinetta di nome Sarah, che io minacciavo al telefono se non mi rendeva la parente sottratta.
Intanto piangevo e guardavo con pungente malinconia la nostra cameretta d?infanzia, ancora colma dei nostri giuochi e balocchi.
Non credo di necessitare un?interpretazione per questo sogno.

cose da dire

12 Gennaio 2007 19 commenti


grazie per il supporto, oggi va meglio.
a me ‘sta primavera precoce e sinistra m’ha messo il buonumore.
e ho fumato solo due, dico, DUE sigarette!
ma stasera ci vuole il martini cocteil, e si sa che col martini cocteil ci vuole la siga.
sennò non fa fico.

Sarà.

11 Gennaio 2007 10 commenti


Sarà che son stanca, sarà che sto cercando di non fumare (sto fumando la terza sigaretta della giornata…un record!), sarà il tempo, sarà la sinusite.
Ma mi sento derelitta e piango come un bebè.
Sarà.