Archivio

Archivio Febbraio 2007

Sono depressa.

28 Febbraio 2007 9 commenti


Sono depressa.
Haiku.

Candy Candy

26 Febbraio 2007 16 commenti


Adoro il Carnevale.

Tutti mi superano

23 Febbraio 2007 16 commenti

Fabbisogno assistenza.

23 Febbraio 2007 6 commenti


Se volessi pubblicare un filmatino di me che striscio (o cado) giù per i pendii innevati sul mio snowboard per poter deliziare le vostre papille visive, come dovrei fare?

mi ricorderò di voi ovunque vi troviate

23 Febbraio 2007 Commenti chiusi


Serata relax col berry stasera.
Ci voleva.
Relax.
Risate.
Relax.
Ho parlato di te.
Perché mi mancavi.
Ho sorriso moltissimo al pensiero di te.
Gli ho raccontato quasi tutto.
Max.
Il berry.
Potrei non vederlo per cent?anni e non cambierebbe nulla.
Ci metteremmo comunque subito a ghignare, a fare i complici sulle stronzate più assolute, e a farci l?occhiolino solenne sulle cose più serie.
C?era poca gente e mi è piaciuto così.
Spazio per i miei pensieri.
Spazio per i sorrisi della gente.
Mi sentivo espansa e morbida, come una marshmallow sul fuoco.
Sciolta e dolce.
Una serata languida in compagnia di un amico, a parlare di te.
Sorrido.

Alla prossima puntata…

19 Febbraio 2007 14 commenti

Campionessa… ?

16 Febbraio 2007 15 commenti


Il 4 Febbraio c’è stato il mio esordio snowboardistico.
Questo uikènd ci sarà il replay.
Possiedo già una tavola tutta mia, gentil concessione di S. Faustino.
Ora mi tocca imparare a usarla.

mio dio

14 Febbraio 2007 13 commenti


Un angelo così bello che incanta e terrorizza… io ne ho uno al mio fianco tutti i giorni e per ognuno di questi giorni lodo il dio in cui non credo.

orripilario

11 Febbraio 2007 7 commenti


Ti ho sognata nuda e oscena preda della follia che da sempre attanaglia la nostra vita
Ti ho trascinata giù dalle scale e ti rubavo i gioielli
In macchina ti ho picchiata ma le mie braccia erano molli, allora una bella pedata ben assestata un piccolo gemito, la tua follia più tenace del mio dolore mi si è spezzato il cuore guardandoti picchiandoti di fronte alla casa del diavolo

Rimugino

11 Febbraio 2007 2 commenti


Una luce rossa pervade la stanza, tutte le finestre aperte per lasciar entrare la luce di questa giornata di sole glorioso.
Ho smuffato le pareti della mia umida casetta, sono nel bel mezzo di una serie di cicli di lavatrice, i panni stesi ad asciugare ovunque.
Da una finestra vedo la mia macchinina verde che splende, fresca di lavaggio.
Da un?altra vedo i campi assolati, passa un treno.
Ieri ho fatto degli incubi tremendi, vecchi ricordi e terrori nascosti che tornano a mordermi la giugulare.
Ossessionata.
Come ho potuto essere così stupida?
Come può esserci stato un tempo in cui non m?importava di vivere, di godere delle minime cose?
Come posso essermi persa così tante domeniche di sole, affaccendata nella mia casetta, a curarmi delle mie cose, a pensare al dopo, a fare programmi, progetti, telefonate, lavatrici, lavaggi d?auto, qualche foto per ricordare?
Quanto tempo ho perso?
Quanto male ho fatto?
Quando riuscirò ad espiare quei giorni?
Oggi ho così tanto da perdere, non commetterò mai più gli stessi errori.
Ho il terrore di perdere tutto, da un momento all?altro.